The Carnic Pievi Trail

Nature, history, art and spirituality in Carnia

Nineteenth Stage

(the translation of this part is currently not available)


Questa tappa offre l’opportunità di apprezzare appieno la  bellezza della Val Chiarsò (o Val d’ Incarojo) proponendo un percorso che la ridiscende interamente lungo il versante destro orografico. Alla continua superba visione del monte Sernio e della sua catena di cime si uniscono i profumi e la dolcezza di una natura incontaminata. I campi ricavati come fazzolettini nei minimi spazi pianeggianti, gli stavoli in parte restaurati, i borghi e gli opifici che si attraversano testimoniano la vita difficile unita all’attaccamento alla propria terra di queste piccole comunità, che trova il suo apice spirituale nella chiesa della “Madone dal Clap” (Madonna del Sasso) sorta in un luogo che trasmette serenità.


..... more..

Stage Overview

Starting Point Dierico di Paularo
Arrival Point Piano D'Arta
Difficulty E = hiking trail
Length 23.4 km
Walking time 8 hr, 0 min
Environment Low Mountain
Exposure East, South
Climb (in metres) 710 m
Descent (in metres) 900 m
Map ref. Tabacco, foglio 09
Water springs NO
Suitable for cycling NO
Horse Rideable NO
Presence of a Pieve NO
Download a printable version of the map a (PDF) Download GPS Path (KML)

Route description

(the translation of this part is currently not available)


Dalla chiesa di Dierico si scende verso Sud (1) e, superato il ponte Foos sul torrente Chiarsò, si prosegue a sinistra per un breve tratto lungo la strada provinciale (attenzione al traffico automobilistico!) sino al bivio per Salino. Si sale ora a destra per poche centinaia di metri e poi ancora a destra seguendo l’indicazione stradale per Castoia. Al terzo tornante si lascia la strada asfaltata e si prosegue a destra (1a) lungo una strada sterrata che si abbandona dopo il quarto tornante quando si prosegue a sinistra su sentiero (2)  seguendo, fra l’altro, la tabella indicante “Al Santuario” (“Madone dal Clap”). Con l’avvertenza di tenere la destra e di proseguire sempre in salita ai vari bivi che si incontrano, si superano prati, stavoli e boschetti misti per prendere quota sino ad incontrare la strada asfaltata che sale da Trelli. Pochi metri su asfalto e poi a sinistra per salire in direzione di in’ icona e da qui ancora a sinistra per portarsi alla vicina “Madone dal Clap” (3).


Dal piazzale della chiesa si segue una stradina sino a congiungersi con la strada asfaltata per scendere a Trelli. Giunti in paese, dal sagrato della chiesa (4 ) si attraversa tutto il caratteristico borgo e all’altezza dell’ultima casa  si sale a destra (4a)  per imboccare il sentiero che porterà a Valle di Arta Terme. 


Superato un ruscelletto, ad un vicino bivio si tiene di destra per uscire dal piccolo bosco e proseguire con lievi saliscendi fino ad un ultimo stavolo affiancato da dei recinti per capre e pecore dove ha inizio la lenta discesa che porta ai Molini di Valle. Superato il ponte sul Riu di Valle (5), un sentiero con dei brevi tratti ripidi permette di portasi a Valle di Arta Terme e da qui, su strada asfaltata, alla vicina Pieve di S. Martino (6). 


Fronte alla chiesa, si prosegue a sinistra per scendere a Rivalpo. Al primo incrocio si prosegue a destra per attraversare il piccolo borgo e iniziare la discesa. All’altezza dell’ultimo edificio si lascia la strada asfaltata per proseguire a destra lungo una ben marcata strada sterrata e, trascurando alcuni bivi che si incontrano, ci si porta nell’abitato di Cabia (7). Qui giunti, all’altezza della prima casa si sale a destra e, sempre tenendo la destra, si supera il paese per portarsi in piena campagna. Ad un vicino bivio si prosegue a sinistra (7a) su strada pianeggiante sino ad un ulteriore bivio (7b), dove inizia la discesa verso Piano di Arta Terme, indicata dalla tabella “Mondiali 2001”. Ad un primo breve tratto ancora su sterrato (7c), segue una comoda mulattiera che scende all’ombra di un bosco misto fino ad incontrare la strada comunale all’altezza di un complesso residenziale (8). 


Si scende a sinistra lungo Via Gortani e, tenendo la destra ad un bivio, ci si porta sulla strada provinciale 111; superato il ponte sul Rio Radina, si scende a sinistra  lungo il Viale delle Terme e in breve si giunge all’ hotel convenzionato (9).

Additional Information